Arrivata a Molinari la lettera tanto attesa: "Caro Giulio, congratulazioni per la tua posizione nel Kona Points Ranking System". Firmato Ironman World Championship 
I nostri complimenti al carabiniere novarese Giulio Molinari, atteso al Campionato del Mondo Ironman a Kona del prossimo 14 ottobre, per cui ha strappato il biglietto grazie al punteggio ottenuto nel ranking internazionale dei Pro in lotta per la slot hawaiana. Con Molinari sarà tris azzurro a Kona dopo la convocazione di Alessandro Degasperi e Daniel Fontana, al culmine di questa stagione di qualifica del KPR. Con le ultime gare utili a dare punteggio e, quindi, con possibilità di sconvolgimento della classifica, l'Ironman Mont-Tremblant ha fatto da ago della bilancia chiudendo il periodo di attesa per Molinari, che già dopo la vittoria all'Ironman 70.3 Staffordshire 2017 poteva ben sperare in questa impresa al primo tentativo. Già performante con il fisico e la testa sul full distance, Molinari, classe '88 e Campione Europeo 2014 e 2016 (vicecampione nel 2015) sull'half distance, nel 2016 ha partecipato a sette gare internazionali sulle diverse distanze, ottenendo tre ori. L'esordio nell'Ironman a fine 2016 con la difficile gara di Tempe, in Arizona, per poi rinunciare a podi facili e inseguire l'incertezza ma anche la soddisfazione dalla crescita nei percorsi "mondiali". Dopo il 5° posto del deserto di Sonora (08:06:47), l'8° in Sud Africa (08:21:09), il successo del 70.3 di Staffordshire (04:01:10) - deciso nell'ultima frazione da una sua progressione incontrastabile - anche un 9° piazzamento al Campionato Europeo Full di Francoforte con una gara giocata con energia recuperando in bici i forsennati del nuoto e pur patendo una crisi a piedi dopo la mezza maratona. Per lui, Kona, non era un'ossessione e, se qualcosa fosse andato storto, con la giusta filosofia avrebbe ritentato il prossimo anno. Attualmente è a St. Moritz in ritiro, in attesa del Challenge Walchsee del 3 settembre, ma con la testa, forse, è già alle Hawaii. Volare con la fantasia, ora, non gli serve più: per il vero sogno basta solo aprire gli occhi. 

Triathlon Olimpico No Draft del 19 agosto a Sarnico, gara annullata
Con loro rammarico, gli organizzatori si trovano costretti ad annullare l'edizione 2017 della gara di Triathlon Olimpico No Draft, prevista per il 19 agosto nella città di Sarnico, in provincia di Bergamo. Provvederanno a breve a restituire la quota a tutti gli atleti che hanno effettuato l’iscrizione. Già tantissime le e-mail e le telefonate ricevute da parte degli iscritti dispiaciuti per questo rinvio, perchè di questo si tratta, visto che tra qualche mese partirà la macchina organizzativa per l'edizione 2018.
Sabrina e Massimo, organizzatori dell'evento insieme al Venus Team, ringraziano per la comprensione e rimandano al sito ufficiale della manifestazione per tutte le informazioni.
Massimo Belotti > 348 22 20 450; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Sabrina Baccanelli > 320 53 63 239; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Quella di gareggiare all’Ironman di Whistler, in Canada, era nel programma che Sarah e Giuseppe si sono confezionati per il loro viaggio di nozze. Sportivi appassionati, Sarah Fumagalli e Giuseppe Valli scoprono per vie separate il Triathlon nel 2011 e iniziano a gareggiare l’anno successivo, lui in uno sprint a Sanremo e lei sulla stessa distanza a Piacenza.
Forse, facendo parte della stessa squadra, la 3LIFE di Lecco, fu malandrina e fortunata una trasferta insieme a Franciacorta o a Cesenatico nel 2015, ma comunque sia, la storia in seguito si fa ancor più bella con il matrimonio celebrato lo scorso 24 luglio. Poi via per il viaggio di nozze attraverso i parchi del Canada che si estendono alle spalle di Vancouver.

image007

Tappa d’obbligo è stato il 70.3 di Whistler, con Sarah che in 6.04.39 e con il diciannovesimo posto tra le W 30/34 si qualifica per i Mondiali 70.3 del 2018, mentre Giuseppe in 5.30.57 è centoventicinquesimo nella generale e trentesimo tra gli M 35/39. Per poi proseguire verso gli spazi immensi dei parchi canadesi dell’Ovest.

Ci siamo: mentre i triatleti seguono il loro programma di allenamento, lo staff dell’IRONMAN e le amministrazioni portano avanti il loro calendario di incontri e lavoro incessante per far sì che tutto si svolga al meglio.
«L’Emilia Romagna è da sempre terra votata allo sport”, sottolinea Stefano Bonaccini, Presidente della Regione, “e grazie alla presenza di mare e montagna a breve distanza, negli anni si è sempre più imposta non solo come destinazione turistica per la vacanza attiva, ma anche come palcoscenico privilegiato per grandi eventi di richiamo internazionale”.
“Penso, tra le altre, alla Nove Colli di Cesenatico e al Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini di Moto GP”, continua il Presidente della Regione, “siamo onorati di accogliere per primi in Italia l’IRONMAN, prestigioso appuntamento di fama mondiale, la cui realizzazione, sia da un punto di vista logistico che per quanto riguarda l’accoglienza, vedrà Cervia e i territori limitrofi lavorare in stretta sinergia per dare il migliore benvenuto ai triatleti e alle loro famiglie”.
Ma sarà soprattutto il paesaggio circostante, con la sua varietà di colori e odori tipici della macchia mediterranea all’inizio dell’autunno, che inebrierà gli atleti e accompagnatori per tutta la durata del loro soggiorno. Cervia accoglierà gli oltre 3000 atleti che da giovedì 21 a domenica 24 settembre “invaderanno” il lungomare dove si concentrerà tutto l’evento: la zona cambio, il merchandise ufficiale IRONMAN, il race office e l’area expo.
“Sono già molti gli atleti che, approfittando delle vacanze estive, nei mesi precedenti hanno trascorso un weekend in Romagna e colto l’occasione per provare il percorso bike ammirando le bellezze del paesaggio e gli odori della campagna circostante”, ci racconta Fabrizio Cutela, direttore di gara IRONMAN Italy Emilia-Romagna, “l’emozione e l’adrenalina degli atleti è al massimo e questo per noi è un motivo di orgoglio che ci spinge a fare il massimo per regalare un weekend indimenticabile”.
“Un evento internazionale da tutto esaurito che rappresenta sì una perfetta sintesi del lifestyle esemplare di questa regione ma è anche una grandissima opportunità per Cervia e la Romagna per raccontare al mondo che qui movimento outdoor e qualità della vita sono sempre al primo posto, 365 giorni l'anno”, conclude Andrea Corsini, Assessore al Turismo Regione Emilia-Romagna, “siamo la destinazione italiana deputata per accogliere l’IRONMAN! Auguriamo un in bocca al lupo a tutti gli atleti e buon lavoro a tutti gli imprenditori e i volontari, risorse fondamentali per il successo dell’IRONMAN”.

Fonte: Annamaria de Corato per la società organizzatrice

Photo Credit: Getty Images